Soffione, piscialetto, tarassaco, dente di leone

Taraxacum officinale L.

Famiglia botanica: Asteracee

Tipo: Medicinale e commestibile.

Dove si può trovare: Molto comune, nei prati, ciglio dei fossi, incolti, bordi delle strade, fino a 2000 m di altezza.

Parti utilizzate: Radici (raccolte da maggio a tutto l’autunno), foglie (raccolte dalla primavera all’autunno), bocci fiorali (raccolti in primavera).

Curiosità: Il tarassaco è il simbolo del Messaggero perché i suoi frutti possono volare per chilometri una volta averci soffiato sopra; il significato di Messaggero è anche rivolto agli innamorati che seguendo una credenza, soffiando sulla “palla bianca” o acheni, se essi voleranno tutti al primo soffio, si avvereranno tutti i sogni sentimentali. I fiori danno indicazioni sul periodo della giornata e sul tempo meteorologico: si chiudono all’imbrunire, prima che l’umidità della sera li bagni, e si aprono all’alba sorgere del sole; invece se il fiore era aperto il tempo sarebbe stato sereno mentre con la pioggia in arrivo il fiore si chiude come un ombrello. 

Usi: Infuso foglie: 3 g ogni 100 ml di acqua, 3-5 tazze al giorno, come depurativo e diuretico. Infuso radici: 3 g ogni 100 ml di acqua, 3-5 bicchieri al giorno come depurativo e diuretico. Decotto radici: 5 g ogno 100 ml di acqua, 100-200 g a cucchiai come coleretico  e colagogo. Estratto fluido radici:  5-30 g al giorno, come depurativo, diuretico e lassativo. Succo fresco radici: fino a 60 g al giorno, come depurativo in caso di intossicazione epatica e cutanea. Infuso foglie: 3 g ogni 100 ml di acqua, 3-5 tazze al giorno come depurativo e diuretico. Succo fresco foglie: 60-100 g al giorno come depurativo epatico e dell’apparato cutaneo. Tintura madre: 40-60 gocce, 3-4 volte al giorno, come drenante e depurativo epatico-biliare, in caso di oliguria, nelle dermatiti, nel trattamento dell’obesità. Foglie fresche: bollite, sono ottime in cucina, in zuppe, frittate e ripassate in padella. Sciroppo fiori: 2-3 cucchiai al giorno in caso di tosse secca e mal di gola.

Come si usa: Infuso, decotto, estratto fluido, succo fresco, tintura madre, sciroppo, foglie cotte.

Prescrizioni: Epatopatie, ritenzione idrica, stipsi, ipercolesterolemia, iperglicemia, tosse.

Azione: Aperitiva, diuretica, digestiva, lassativa, ipoglicemica, antiscorbutiche, colecisticinetica, ipocolesterolemica, depurativa.